Il mistero del cratere Patomskiy

Il cratere Patomskiy è una formazione geologica che si trova immersa nella foresta incontaminata di Irkutsk, in Siberia. Il grande tumulo di roccia ha una forma conica che ricorda un vulcano; forma una depressione in cima, come un bacino ma con una collina più piccola a forma di cupola all’interno del cratere.

Il cratere è completamente spoglio privo di alberi o cespugli e si ritiene che vi siano alti livelli di radiazioni sull’intera area. Gli alberi che circondavano la sua base erano cresciuti in modo esponenziale, diversamente da quelli fuori dall’area in questione a poche centinaia di metri. Il cono stesso appare “vivo”, spostandosi e cambiando come se alcune forze modificassero costantemente la sua forma.

Numerose spedizioni sul sito sono state fatte dalla sua prima scoperta. Molti scienziati coinvolti avevano tentato di spiegare le irregolarità trovate e speravano di scoprire le origini del cratere.

Ad esempio nel 1949, il geologo Vadim Kolpakov decide di disegnare mappe delle remote regioni di Irkutsk, in Siberia. Raggiungendo il nord della regione, incontrò il popolo nativo di Yakut. Il popolo Yakut lo aveva avvertito di non recarsi nel luogo in cui chiamavano il “Nido dell’Aquila del Fuoco”, dicendo che il luogo era così “malvagio” che gli animali selvatici evitavano l’area. La gente del posto ha raccontato storie di persone che si sono avvicinate troppo, si sono ammalate e sono morte; altri non sono mai tornati. Kolpakov è andato avanti con la sua missione, colpito dalle leggende locali. Risalendo una collina, vide qualcosa da lontano, una collina ripida ma la cima era stata tagliata, presentando una concavità con dentro una piccola cupola. Una vista così straordinaria lo fece dubitare del suo stato mentale, pensando che forse il caldo e la fatica avessero annebbiato la vista. All’inizio, il geologo per provare a spiegare ciò che aveva sotto gli occhi, pensò immediatamente ad un cumulo di materiale estrattivo da cave e resti litici dati dall’attività umana, ma notò che non c’erano persone, né campi di lavoro, quindi escluse l’estrazione mineraria dalle ipotesi possibili.

Un’altra idea che tenne in considerazione inizialmente fu che l’intera struttura fosse modellata dall’uomo per scopi ignoti; tuttavia, tenne in conto che le uniche persone vicine al cratere fossero le comunità native, e di conseguenza escluse, sia per il numero insufficiente di persone impiegabili in un opera simile e sia per le conoscenze necessarie a crearla o agli scopi funzionali alle comunità in questione, che la struttura di pietre di tale dimensione potesse avere un origine antropica. Quando il geologo si avvicinò, si rese conto che la collina ha un’origine molto più naturale che artificiale, stimò l’età della strana formazione tra i 200 e i 250 anni. Il cratere ha la forma di un cono alto 70 metri con il diametro della sua base che misura circa 150 metri. Il cratere ha una cima a forma di anello che crea una cavità in cui al centro si trova una cupola più piccola con un diametro di 15 metri. Ma per milioni di anni, nessun vulcano si è formato in questa regione, e anche volendo considerarlo un vulcano bisognerebbe considerare la cupola litica all’interno quantomeno anomala.

Pensò anche all’ipotesi dell’impatto meteorico per spiegare la formazione rocciosa e pubblicò la sua idea in un articolo scientifico. La teoria del meteorite in seguito ottenne il maggior sostegno nella comunità scientifica, in particolare con il geologo Alexander Portnov.

Secondo la nuova ipotesi “il bolide” di Tunguska si divise in diversi frammenti durante l’esplosione in cielo, uno di questi, il più grande cadde sulla regione di Krasnoyarsk mentre uno dei pezzi più piccoli creò il cratere Potomskiy. L’esplosione avvenne nel 1908 ad ovest del punto in cui si trova lo strano tumulo.

Il 1 ° agosto 2005, il geologo Eugeny Vorobiev condusse un’altra spedizione nel cratere. Il professor Sergey Yazev, capo dell’Osservatorio di Irkutsk , in un intervista affermò che il budget stanziato per la missione permise loro solo di raggiungere la città di Badaybo, lasciando le altre spese a carico dei componenti della spedizione, come le barche e gli attrezzi da trekking usati.

Tutto andò bene fino a quando Vorobiev non cadde a terra, a pochi minuti dall’escursione al cratere. Il gruppo si precipitò da lui ma non furono in grado di fare nulla per aiutare il geologo poiché era già morto. Un esame a Irkutsk rivelò che l’infarto era la causa della sua morte: i nativi credevano che la forza del male intorno al cratere uccise il geologo.

I rimanenti quattro scienziati hanno continuato con la loro missione per onorare il desiderio del loro collega morto. La vista mozzafiato del cratere ha indotto gli scienziati a chiedersi cosa avrebbe potuto spingere centinaia di migliaia di metri cubi di rocce sotterranee sulla superficie del cratere, creando il tumulo a cupola. Pensavano di poter risalire all’origine del cratere una volta arrivati lì, ma in realtà lasciarono il posto con più domande che risposte.

Nel 2006, Alexander Dmitriev, un medico di scienze geologico-mineralogiche dell’Università tecnica di Irkutsk, guidò un’altra spedizione nel cratere dove rilevò con una strumentazione adeguata un oggetto ricco di contenuto di ferro a 150 metri dalla superficie della cupola causa delle anomalie magnetiche registrate anche nelle precedenti occasioni.

Il prof.Igor Simonov dottore in scienze fisiche e matematiche dell’Istituto sembra essere arrivato alla stessa conclusione sulla base della serie di esperimenti che aveva condotto e attraverso i dati a disposizione.

Le sue scoperte hanno ulteriormente spiegato che la caduta di un oggetto super denso di forma cilindrica aveva formato il cratere e prodotto l’anomalia magnetica registrata fornendo un indizio dell’origine del cratere.

Simonov era convinto che un materiale così denso e con caratteristiche cosi anomale non potesse essere terrestre, ma che provenisse dallo spazio.

Dopo aver presentato il suo lavoro, un collega ricercatore, Igor Yermolaev dell’Istituto di Meccanica ha condotto ancora un’altra serie di esperimenti confermando la forma cilindrica dell’oggetto e giustificando la sua presenza per via di un secondo oggetto precipitato in sequenza sull’altro e nello stesso punto ad una velocità di 6,5 km al secondo. I suoi esperimenti hanno spiegato come l’oggetto denso è stato sepolto sotto il cratere dall’azione del primo. Secondo la sua ricerca, il primo oggetto colpì la superficie ed esplose, creando il cratere mentre il secondo oggetto, seguendo il primo, ha rallentato a causa dell’onda d’urto dell’esplosione fino a quando si è schiantato in profondità nel cratere.

Yermolaev evita di menzionare gli UFO, ma si è impegnato a dire che due meteore che volano una dopo l’altra e che si schiantano esattamente nella stessa posizione hanno più probabilità di far parte di una traiettoria guidata e quindi artificiale che ad un evento naturale.

Il biologo Viktor Voronin e il capo del laboratorio dell’Istituto Siberiano di Fisiologia e Biochimica Vegetale hanno trovato un’altra strana anomalia nel cratere. È stato inviato campioni di alberi dal cratere e ha confermato che il cratere ha almeno 250 anni. Tuttavia, scoprì anche che gli anelli di crescita degli alberi intorno al cratere suggerivano che erano cresciuti improvvisamente e in modo repentino almeno quattro decenni prima di tornare al loro normale tasso di crescita. Il biologo ricordò un altro evento in cui fu registrato questo tipo di anomalia: il disastro di Chernobyl, in cui la radiazione è stata assorbita dagli alberi circostanti con le stesse conseguenze registrate intorno al cratere Potomskiy.

Anche se il livello di radiazioni attualmente è basso, si chiese se ci fosse stato un tempo in cui alti livelli di radiazioni erano estese sopra il cratere prima di ridursi col passare del tempo.

Voronin è stato il primo a dichiarare ufficialmente in un’intervista la teoria degli UFO. Secondo la sua teoria, l’UFO schiantato a terra, creò il cratere prima di essere sepolto sotto di esso. Pochi secoli dopo, il motore nucleare a bordo della nave esplose e spinse le rocce sottoterra verso l’alto, creando la cupola. Elementi radiottivi furono liberati dall’esplosione, diffondendosi tra gli alberi vicino al cratere e accelerandone la loro crescita anomala.

Tuttavia, i geomorfologi suggeriscono una spiegazione più terrena ai misteri del cratere. Il dottor Alexander Pospeev di scienze geologiche e mineralogiche ha detto che il cratere potrebbe essere un vulcano di gas.

Un vulcano di gas mantiene i gas nelle sue camere prima di esplodere, dopodiché il gas inizia ad accumularsi di nuovo. Questo ciclo di esplosioni potrebbe spiegare l’apparente spostamento del cratere. Sostiene anche che i drammatici cambiamenti negli anelli di crescita degli alberi sono stati causati dal calore rilasciato dalle esplosioni sotterranee dei gas.

Ha anche scoperto che le tracce di radiazioni nel cratere erano molto più basse rispetto alle città. In effetti, l’intera struttura potrebbe non essere affatto rara e crede che molti di questi strani crateri potrebbero essere coperti dalla vegetazione.

La conferenza scientifica del 2010 per l’inchiesta sul cratere di Patomskiy nell’Istituto minerario di San Pietroburgo aveva respinto la teoria dei meteoriti e ha concluso che la creazione del cratere sia dovuta ad un processo geologico.

Il capo di un dipartimento dell’Istituto di Geochimica di San Pietroburgo dell’Accademia Russa delle Scienze guidata dal dott.Antipin ha confermato successivamente quest’ultima tesi.

Il cratere Patomskiy è davvero un vulcano di gas?

La sua forma unica e rara è stata modellata da un naturale processo geologico?

L’oggetto denso che giace a cento metri più in basso dalla superficie come è stato spiegato?

Studi recenti avrebbero trovato solo bassi livelli di radiazioni nell’area, ma se l’esplosione fosse avvenuta due secoli e mezzo fa, sicuramente le particelle radioattive sarebbero decadute nel corso degli anni.

Alcuni misteri rimangono ancora sepolti..

Post by Aurelio Gioia

Comments are closed.